Gialli

2009 – Il debutto – Crisantemi a ferragosto – Il Punto Piemonte in bancarella

Si tratta di una vicenda che si svolge nell’estate che precede le olimpiadi invernali di Torino del 2006 e, parallelamente, durante il periodoche va dal 1953 al 1977. Paolo Volpi, un anonimo protagonista dalla piatta esistenza, è costretto ad annullare, causa impegni lavorativi, le vacanze che aveva programmato da tempo.
La sua esistenza subisce un’imprevista svolta quando, rientrando a casa, il pomeriggio del 13 agosto, scopre che il suo disabitato condominio è infestato da una puzza nauseante. Dopo una serie di rudimentali investigazioni si rende conto che la puzza proviene dall’appartamento del suo anziano vicino di casa. Nella sua mente si fa quindi largo il più terribile dei sospetti sulla sorte di quell’uomo. Grazie alla collaborazione di due bizzarri poliziotti, lo smilzo e lo sferico, entra in quell’appartamento senza sapere che sta per iniziare per lui un’incredibile avventura in cui il passato ed il presente si coalizzano per occultare una terribile verità.
Valerio Naldi, il suo vicino di casa, gli ha lasciato infatti in eredità dieci storie di donne decedute misteriosamente tra il 1953 e il 1977, anche loro in prossimità del giorno di ferragosto.
Tocca a Paolo Volpi improvvisarsi ispettore e provare a scoprire qual’è il misterioso legame tra quelle dieci lugubri vicende ma soprattutto capire per quale motivo quell’uomo ha deciso di coinvolgere proprio lui in quell’indagine.
Un’impresa che lo porterà a compromettere il rapporto con i propri genitori, a perdere il posto di lavoro, ad un imprevisto innamoramento nonché al limite estremo della follia.

2010 – Il duo Corioni-Visconti- Appello mortale – Il Punto Piemonte in bancarella

Ugo e Andrea, un insegnante di matematica e un disoccupato cronico, sono due personaggi per nulla simili ma accomunati da una forte amicizia iniziata tra i banchi di scuola. A causa di un tragico destino devono trasformarsi in due investigatori “per caso” quando scoprono che la loro classe pare vittima di un’oscura maledizione, di un gioco ad eliminazione condotto da una sopraffina mente criminosa.
Per risolvere l’enigma dovranno però confrontarsi con drammatici frammenti del loro passato che pensavano di aver rimosso e che riemergono con rinnovato vigore.
Spetta a loro il compito di fermare un calcolo diabolico e risolvere il mistero prima che avvenga la totale estinzione dei sopravvissuti all’appello mortale.

2012 – Con Andrea Monticone – Favola Nera – Il Punto Piemonte in bancarella

Marta godino è scomparsa a pochi giorni dal Natale, lasciando dietro di sé solo un enigmatico sms. redattrice freelance, conduceva una vita appartata, ma dalla quale emergono una passione per il burlesque, un inquietante amante già coinvolto nella sparizione di un’altra giovane donna e il mistero di un libro che Marta stava scrivendo per “svelare il vero volto dei mostri”. In una Torino paralizzata da una catastrofica nevicata, sulle tracce di Marta si muovono due investigatori per riportarla a casa per il Natale e svelare l’orribile segreto che sta alla base della sua sparizione.

2013 – Il primo Frilli – Trappola a Porta Nuova – Fratelli Frilli Editori

Daniele Bagli, un impiegato dalla piatta quotidianità, vorrebbe vivere un “giorno perfetto” incontrando una misteriosa ragazza, conosciuta su Facebook, di cui non ha mai visto nemmeno una foto. Affascinato però dalle sue parole è rimasto impigliato in quella rete virtuale che sta per assumere le fattezze della realtà. La stazione di Porta Nuova dovrebbe ospitare il loro primo appuntamento ma Bambi, è quello il suo pseudonimo, non scenderà mai da quel treno in arrivo sul binario 13.
Quando poi il protagonista scoprirà il tragico destino di quella donna inizierà a confrontarsi con i suoi assillanti sensi di colpa e con la sensazione, che si tramuterà poi in certezza, di essere vittima di una impietosa trappola che prevede la sua incriminazione per quel delitto.
In una torrida Torino, emotivamente sconvolta da quell’evento, inizierà infatti una caccia all’uomo in cui Daniele, braccato dalle forze dell’ordine, si muoverà alla ricerca di una spiegazione, di una possibilità di salvezza ma, soprattutto, di un nemico verso cui indirizzare tutta la propria rabbia.

2014 – L’esordio del duo Crema Bernardini – Scena del crimine – Fratelli Frilli Editori

Sergio Crema è un commissario di polizia della squadra Mobile di Torino coinvolto nelle indagini sull’omicidio di Giovanna Morselli, la segretaria di produzione del film Precari, una pellicola che dovrebbe sancire l’approdo della torinese Multivox tra le maggiori case di produzione cinematografiche della penisola. L’assassino ha lasciato, sul luogo del delitto, come firma del suo crimine, il DVD de La vita è meravigliosa e un biglietto con due iniziali. Troppo poco per il commissario Crema che decide di affidarsi all’esperienza del rude Mario Bernardini, spietato critico cinematografico e ideatore dell’omonima guida, per capire quale sia il collegamento tra il film di Frank Capra e quel delitto senza un chiaro movente. Nasce così la collaborazione tra due personaggi con nulla in comune tranne la passione per il cinema e l’obiettivo di assicurare alla giustizia colui che, dopo il secondo ravvicinato omicidio, è stato soprannominato dall’opinione pubblica “l’assassino dei DVD” perché ha nuovamente lasciato una rivendicazione filmica per sfidare gli inquirenti. La soluzione di quello scottante caso dovrà avvenire prima che inizino le riprese di quel film maledetto, per impedire che piazza Vittorio si trasformi nella perfetta location di una sensazionale Scena del crimine.

2015 -  Un’indagine “monumentale” – Trama imperfetta – Fratelli Frilli Editori

Il commissario Sergio Crema e il critico cinematografico Mario Bernardini sono di nuovo i protagonisti di una storia in cui nulla è come appare. Tutto nasce dal ritrovamento di una ciocca di capelli e di un misterioso messaggio, lasciati sotto un monumento in piazza Carlo Alberto, durante uno dei temporali che flagellano quotidianamente Torino in un’estate piovosa come se ne vedono poche. È l’inizio di una guerra psicologica contro un avversario senza identità che utilizza i monumenti dedicati ai personaggi del Risorgimento per lanciare la propria sfida alle forze dell’ordine. Dopo qualche tentennamento iniziale la polizia riesce però a collegare quegli indizi alla recente sparizione di due persone. A far da sfondo a un’indagine assai intricata ci sono le vicende sentimentali dei due protagonisti. Il commissario Crema continua a fronteggiare una pericolosa attrazione nei confronti della dottoressa Bonamico, mentre Mario Bernardini è alle prese con le proposte indecenti di una giovane e attraente attrice. Nonostante ciò proveranno, tra mille difficoltà, a scoprire l’unico errore commesso dal loro nemico: una leggerezza che rende quel piano, all’apparenza inattaccabile, una trama imperfetta.

2016 – Un’indagine tra Torino e Parigi

La serenità del commissario Sergio Crema viene nuovamente turbata dall’incontro con il critico cinematografico Mario Bernardini che lo invita a riaprire il caso dell’omicidio di Carmen Mercadante, apparentemente già risolto da alcuni colleghi e dall’onnipresente dottoressa Bonamico, il suo magistrato del cuore.
Il poliziotto, spalleggiato dal fidato Quadrini, raccoglie la sfida del critico e inizia la sua personale battaglia per assicurare alla giustizia il vero colpevole di quel delitto, senza immaginare che finirà dentro una storia più grande di lui, in cui quell’omicidio è solo la piccola tessera di un grande puzzle.
Mario Bernardini, dopo l’iniziale coinvolgimento in quella vicenda, sarà invece costretto ad affrontare un subdolo nemico senza volto che lo renderà, per una volta, fragile e indifeso.
Mentre Parigi è vittima degli attentati del novembre 2015, anche il commissario Crema dovrà confrontarsi con la ricerca delle radici del male, nel tentativo di comprendere quale sia l’obiettivo finale di chi decide di cambiare la società ignorando le “armi” della democrazia.